Logo life

Area Riservata |

 

Background

Cos’è la pesca fantasma?

Il termine “pesca fantasma” si riferisce alla cattura indiscriminata, provocata passivamente da reti e attrezzature da pesca perse o abbandonate in mare, di organismi marini vertebrati ed invertebrati che finiscono intrappolati tra le maglie o gli ingranaggi. Le reti, talvolta quasi invisibili, possono incagliarsi sulla scogliera (come nel caso degli habitat delle Tegnùe) oppure rimanere sospese alla deriva in mare aperto per periodi prolungati, anche a causa della loro scarsa biodegradabilità. Le cause dell’abbandono in mare di reti/attrezzi da pesca sono determinate sia da sfavorevoli condizioni meteorologiche sia da problemi tecnici che possono creare difficoltà anche gravi agli operatori di bordo per aggrovigliamenti, incagliamenti, ecc durante le operazioni di pesca. Sono stati però registrati anche casi di abbandono deliberato, soprattutto in situazioni in cui l’attrezzo/rete risulta danneggiato e non più utilizzabile: un mezzo di smaltimento semplice ma per niente responsabile dal punto di vista del rispetto dell’ambiente marino.

Quali danni provoca?

Le reti abbandonate, incagliate sui fondali o alla deriva in mare, possono trasformarsi in vere trappole per tutti quegli organismi marini che non riescono ad evitarle, e che quasi sempre finiscono per morire a causa dell’impossibilità di continuare a nutrirsi. Pesci, delfini, tartarughe marine, uccelli marini, granchi e altri animali marini che nuotano liberi nelle acque marine o che si muovono sui fondali, una volta catturati dalle reti possono anche morire a causa delle lacerazioni e infezioni conseguenti ai tentativi di liberarsi dalle maglie delle reti, o per soffocamento, nel caso di animali che necessitano di tornare in superficie per respirare. Alterazioni dei fondali e funzionalità degli habitat marini, ostacoli per la navigazione con possibili conseguenti danni alle imbarcazioni, rischi per chi pratica attività subacquee di tipo ricreativo e/o professionale sono altri rischi da non sottovalutare posti dalla presenza delle reti fantasma. Da non dimenticare inoltre che una rete da pesca abbandonata o persa si può rompere in numerose parti  per effetto del passaggio di navi, delle onde, delle tempeste o di forti venti. Le parti più leggere in plastica e polistirolo continuano a stare a galla e possono finire sulle spiagge oppure subire processi di decomposizione fotochimica che portano alla formazione di microplastiche. Queste particelle aventi dimensioni inferiori ai 5 mm vengono assorbite dagli organismi planctonici e dai filtratori entrando in tal modo nelle reti trofiche, inoltre possono a loro volta rilasciare composti pericolosi come gli ftalati che  interferiscono con capacità riproduttive di molti organismi marini.

Alcuni dati

Si stima che 640.000 di tonnellate di tali reti siano sparse complessivamente in tutti oceani, rappresentando un incredibile 10 per cento di tutti i rifiuti marini (UNEP/FAO, 2009). Circa 100.000 mammiferi marini e un milione di uccelli marini muoiono ogni anno a causa dell’intrappolamento in reti da pesca o ingestione dei relativi detriti (UNEP, 2005). Quantificare la perdita delle risorse marine dovuto al fenomeno della "pesca fantasma" è difficile, ma diversi studi hanno dimostrato che questa ammonta a circa il 10% della popolazione target (UNEP, 2005). In Italia non ci sono ancora dati riguardanti l’entità delle attrezzature da pesca perse o abbandonate in mare e i loro impatti sulla biodiversità.

Si stima inoltre che quasi un milione di uccelli marini possano morire ogni anno per intrappolamento in reti abbandonate o per ingestione di materiale in sospensione. L'ingestione di palline di resina plastica  è una delle principali minacce in quanto vengono scambiati per uova di pesce o altri tipi di cibo (UNEP, 2005).

 Actions

 Actions

Download

Networking

Ultime news

Esiste un solo grande oceano, il nostro!

Pubblicato Mag-2017

In occasione della celebrazione della Giornata Mondiale dell’Oceano, in programma il prossimo 8 giugno, la rete Ocean Literacy Italia (http://www.oceanliteracyitalia.it)...

Read more

GHOST al 165° Anniversario della Fondazi…

Pubblicato Apr-2017

Su invito del Questore di Venezia, il progetto LIFE-GHOST è intervenuto con alcuni rappresentanti del coordinatore ISMAR alle celebrazioni del...

Read more

Biennale Democrazia - Un oceano di plast…

Pubblicato Apr-2017

Nella splendida cornice della Sala dei Mappamondi all’Accademia delle Scienze di Torino, nell’ambito della manifestazione culturale Biennale Democrazia, promossa dalla...

Read more

Prima riunione del gruppo tecnico di lav…

Pubblicato Apr-2017

Il 20 marzo presso la sede della Regione Veneto  di Via Torino 110 a Mestre (VE) si è svolta la...

Read more

Studenti di Ca’ Foscari in visita ad ISM…

Pubblicato Mar-2017

Lunedì 13 e venerdì 17 marzo l’Istituto di Scienze Marine (ISMAR) del CNR di Venezia ha accolto gli studenti di...

Read more

GHOST va a scuola!

Pubblicato Mar-2017

Venerdì 3 marzo le Dr.sse Vanessa Moschino e Nicoletta Nesto hanno tenuto un seminario sui rifiuti marini al Liceo Scientifico...

Read more

La regione Veneto istituisce un gruppo d…

Pubblicato Feb-2017

L’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Dr Giuseppe Pan, si è impegnato a promuovere presso la Giunta regionale del Veneto le...

Read more

Attività di networking con LIFE-Mermaid…

Pubblicato Dic-2016

La collaborazione con LIFE-Mermaids sta portando ad interessanti risultati per quanto riguarda la quantificazione di microplastiche prodotte delle reti fantasma...

Read more

Il Progetto LIFE-GHOST è giunto al tragu…

Pubblicato Ott-2016

Giovedì 20 ottobre si è svolta presso Il Centro Congresso Don Orione Artigianelli (Zattere, Venezia) la Conferenza finale del progetto...

Read more

Conferenza finale del progetto LIFE-GHOS…

Pubblicato Set-2016

La conferenza finale del progetto si terrà il prossimo 20 ottobre a Venezia, presso il Centro Congressi ‘Don Orione Artigianelli’...

Read more

Le conclusioni del progetto GHOST per la…

Pubblicato Ago-2016

Grazie alla collaborazione con la Consigliera Regionale Erika Baldin che ha condiviso le conclusioni del progetto relativamente alle raccomandazioni ed...

Read more

Save the date: Conferenza finale del pro…

Pubblicato Lug-2016

Vi invitiamo alla conferenza finale del progetto, che si svolgerà giovedì 20 ottobre 2016 presso il Centro Congressi ‘Don Orione...

Read more

GHOST alla Conferenza Internazionale ISE…

Pubblicato Lug-2016

Dal 26 al Il 29 giugno 2016 si è svolta a Washington DC la conferenza internazionale dell’International Society for Ecological...

Read more

Il codice di condotta per una pesca resp…

Pubblicato Lug-2016

Il codice di buone pratiche per limitare la perdita e l’abbandono delle attrezzature da pesca in mare, realizzato nell’ambito del...

Read more

Completata la rimozione delle reti fanta…

Pubblicato Giu-2016

La rimozione delle reti ed attrezzature da pesca rinvenute sui fondali di otto tegnùe al largo del litorale veneziano e...

Read more